Author: La Redazione

Gli articoli prodotti da La Redazione sono frutto dell'intelligenza collettiva delle persone del prolifico e creativo gruppo di lavoro di ecologica.online. Quando ci confrontiamo e produciamo collettivamente, firmiamo cosí.

Lo scrittore Pietro Mugnaini, nel 2019 riassunse vari interventi di Luca Mercalli in diverse trasmissioni per ricavare questa intervista, nella quale il climatologo e divulgatore scientifico spiegava i cambiamenti climatici. La riproponiamo qui perché, purtroppo, ancora attualissima. Quali sono le cause dei cambiamenti climatici? Le cause sono ormai ampiamente note. È un fenomeno che inizia 200 anni fa con la rivoluzione industriale. Si comincia a bruciare carbone, poi arriva il petrolio ed il gas e adesso questa santa trinità fossile la usiamo in maniera massiccia per sostenere l’intera economia del pianeta Terra e questo emette anidride carbonica (CO2). L’anidride carbonica…

Leggi tutto

L’Ente Nazionale Protezione Animali (ENPA) ha fornito alcune linee guida per garantire che il Natale sia un periodo gioioso sia per le persone che per i loro animali domestici. Questi consigli coprono vari aspetti delle festività, come la cena, i regali e le vacanze, offrendo un pratico vademecum per una celebrazione natalizia a misura di animale. Queste raccomandazioni sono particolarmente utili per assicurarsi che le tradizioni festive siano sicure e piacevoli anche per i nostri amici a quattrozampe. REGALI E GADGET A QUATTROZAMPE  1 – I gadget giusti: non ridicolizziamo i nostri amici a quattrozampe. State finendo di acquistare gli…

Leggi tutto

La Conferenza delle parti sui cambiamenti climatici (Cop28), che ha preso luogo a Dubai, ha concluso le sue trattative, presentando un accordo definito “storico” ma non privo di controversie e tensioni. Con la partecipazione di 198 nazioni, l’evento si è concentrato su tre obiettivi principali: ridurre le emissioni di gas serra, adattarsi ai cambiamenti climatici e aumentare i finanziamenti. Com’è cominciata Il principale punto d’incontro rimane l’Accordo di Parigi del 2015, mirante a limitare il riscaldamento globale a meno di 2 gradi Celsius, preferibilmente a 1,5 gradi. Tuttavia, l’urgenza di ridurre le emissioni del 43% entro il 2030 per raggiungere…

Leggi tutto

Il suolo italiano è malato, e i numeri parlano chiaro. Presentato il Rapporto sulla salute del suolo in Italia dalla Re Soil Foundation, emergono dati inquietanti: il 47% dei 100 metri quadri di suolo presenta qualche forma di degrado. L’erosione colpisce l’80% dei terreni agricoli, mentre il 68% ha perso oltre il 60% del carbonio organico originale. Il rapporto Questi numeri, presentati a Palazzo Rospigliosi, sollevano preoccupazioni sul futuro della terra. Maurizio Martina della FAO ammonisce che la degradazione del suolo minaccia gravemente il pianeta, sottolineando che il 95% del cibo globale proviene direttamente o indirettamente dal suolo. Senza un’inversione…

Leggi tutto

Il Rapporto 2023 di Caritas italiana, intitolato “Tutto da perdere,” ha evidenziato le crescenti sfide legate alla povertà in Italia, con un focus particolare sui “working poor” e la povertà energetica. I dati rilasciati, presentati in vista della VII Giornata Mondiale dei Poveri del 19 novembre, forniscono uno sguardo approfondito sulla realtà sociale del paese. I dati Nel corso del 2022, i centri di ascolto e servizi informatizzati di Caritas hanno supportato 255.957 persone in tutta Italia, di cui l’11,7% appartiene a famiglie in povertà assoluta. Un dato significativo emerge dalla composizione degli assistiti, con il 59,6% di stranieri tra…

Leggi tutto

La diffusione della plastica nell’ambiente ha raggiunto proporzioni allarmanti, tanto che il Wwf ha lanciato un grido d’allarme, definendo la plastica come il terzo materiale più prodotto sulla Terra, preceduto solo da acciaio e cemento. Questo materiale onnipresente, che invade gli oceani, i suoli, l’aria e perfino gli organismi viventi, ha definitivamente segnato l’era contemporanea come l’epoca del ‘plasticene’. Il rapporto del WWF Secondo il rapporto del Wwf, la produzione e l’uso eccessivo della plastica, insieme a un riciclaggio insufficiente, hanno portato a una situazione in cui il 70% della plastica prodotta si è trasformata in rifiuti. Questi rifiuti finiscono…

Leggi tutto

Il clima globale continua a sfidare i record storici mentre il pianeta sperimenta un terzo anno consecutivo di riscaldamento senza precedenti, secondo l’analisi della Coldiretti basata sui dati forniti dal National Climatic Data Centre della NOAA. L’anno in corso si è classificato finora come il terzo più caldo mai registrato, con la temperatura superficiale della Terra e degli oceani che supera di ben 1,03 gradi Celsius la media del ventesimo secolo. Questa tendenza preoccupante è accompagnata da segni inequivocabili di tropicalizzazione, che stanno influenzando profondamente il clima in tutto il mondo. Le temperature I primi sette mesi del 2023 hanno…

Leggi tutto

L’associazione Meglio Legale ha lanciato un appello ai ministri dell’Interno, dell’Agricoltura e del Made in Italy affinché la canapa industriale venga riconosciuta come una risorsa e non sia più oggetto di criminalizzazione. Negli ultimi mesi, l’associazione ha ricevuto circa 200 richieste di aiuto da parte di imprenditori che sono stati coinvolti in azioni delle forze dell’ordine. L’appello L’appello è indirizzato ai ministri Matteo Piantedosi, Francesco Lollobrigida e Adolfo Urso, affinché si ponga fine alla criminalizzazione della canapa industriale. Nel febbraio 2023, il ministro dell’Interno Piantedosi ha inviato una circolare a tutti i prefetti d’Italia per effettuare controlli approfonditi su commercianti…

Leggi tutto

Legambiente ha lanciato un appello al governo e al parlamento italiano per affrontare il problema degli ecoreati e dell’ecomafia. Secondo il rapporto Ecomafia 2023, le regioni italiane con il maggior numero di reati ambientali sono la Campania, la Puglia e la Sicilia. Le diffusione del fenomeno La Campania si conferma al primo posto con 4.020 reati, rappresentando il 13,1% del totale nazionale. Segue la Puglia con 3.054 reati e la Sicilia con 2.905 reati. Il rapporto evidenzia anche l’aumento dei sequestri effettuati (995) e delle sanzioni amministrative comminate (10.011) in queste regioni. Per affrontare questa sfida, Legambiente ha presentato dieci…

Leggi tutto