Author: Gianfranco Mascia

Ecologista, giornalista, scrittore. Tra i fondatori dei Verdi dell’Emilia Romagna, è attualmente Responsabile comunicazione Capo ufficio stampa di Europa Verde - Verdi. Fondatore dei comitati Bo.Bi e animatore dei Girotondi e del Popolo Viola. Il suo ultimo libro “Come osate” ripercorre l'avventura dei Fridays For Future attraverso le testimonianze dei suoi attivisti.

Perché, nonostante la minaccia che diventa ogni giorno più concreta, non riusciamo ancora a superare la crisi climatica e ambientale a cui oggi siamo confrontati? Sempre più ricercatori si pongono questa domanda. E dei biologi dell’Università del Maine (Stati Uniti) offrono, nella rivista Philosophical Transactions of the Royal Society B, una risposta sorprendente. Secondo loro, esistono caratteristiche centrali dell’evoluzione umana che potrebbero impedire alla nostra specie di risolvere i problemi ambientali globali come il cambiamento climatico. L’evoluzione umana contro il riscaldamento globale Le ricerche dell’Università del Maine mostrano come, negli ultimi 100.000 anni, i gruppi umani che si sono formati…

Leggi tutto

Siamo ormai alla fine di questo 2023 che ha visto, in tema di speranze e delusioni, un’altalena di eventi contrapposti. Abbiamo riassunto qui le notizie che fanno ben sperare in un futuro possibile: E’ stato raggiunto uno storico accordo ONU per il Trattato Globale sugli Oceani che proteggerà il 30% delle acque internazionali entro il 2030. La COP 28 nel 2023 ha concordato per la prima volta di invitare i Paesi ad abbandonare i combustibili fossili. In Europa viene approvato il regolamento sul ripristino della natura, che sarà fondamentale per aumentare la resilienza dell’Europa ai cambiamenti climatici. L’estrazione mineraria sottomarina…

Leggi tutto

Picchi superiori ai 23°C nel Mediterraneo Il Mediterraneo è stato recentemente testimone di un fenomeno preoccupante legato al cambiamento climatico: tra maggio 2022 e maggio 2023, ha subito la più lunga ondata di calore degli ultimi quarant’anni. Durante questo periodo, le temperature del mare hanno registrato un aumento fino a 4°C, raggiungendo in alcune occasioni picchi superiori ai 23°C. Questo fenomeno ha particolarmente colpito il bacino occidentale del Mediterraneo. Queste informazioni emergono dal progetto CAREHeat, finanziato dall’Agenzia Spaziale Europea (ESA), che vede la partecipazione di ENEA e Cnr per l’Italia. I risultati di questa ricerca sono stati pubblicati sulla rivista…

Leggi tutto

Possono i nostri comportamenti individuali cambiare in meglio il Pianeta? Stili di vita sostenibili e che riducano l’impronta ecologica si traducono in azioni insignificanti o sono in grado di innescare un cambiamento ed un impatto significativo? L’unione fa la forza. C’è la possibilità di una vera espressione individuale, attraverso le proprie scelte, per dirla con Adorno, in una società in cui le identità sono spesso costrette a conformarsi allo status quo? Può sbocciare questa potenzialità all’interno di organizzazioni umane in cui le persone possono sentirsi estranee da sé stesse e dalla loro vera natura a causa delle pressioni sociali e…

Leggi tutto

Che deliziosa ironia ci offre il mondo della politica ambientale: due giorni fa, il Guardian e il Center for Climate Reporting ci hanno regalato un succulento reportage. E cosa conteneva? Un video che ha rapito l’attenzione di tutti, dal pubblico agli esperti ambientali. Nel video, il nostro eroe, Sultan al Jaber, si esprime in una conversazione “privata” (ma, ovviamente, con un sottofondo politico) con l’ex inviata del clima dell’Irlanda. E cosa dice, il nostro Sultan? Niente di importante, solo opinioni che sembrano sfidare il noioso e amplissimo (99%) consenso scientifico generale sulla crisi climatica. Sempre dalla parte delle fonti fossili…

Leggi tutto

Vestiaire Collective esclude la moda fast fashion Un anno fa, Vestiaire Collective, un rinomato sito francese di vendita di articoli di seconda mano di moda, uno dei leader mondiali nel settore, ha preso la decisione di escludere i prodotti di marchi come Asos, Shein e Boohoo. “Noi di Vestiaire Collective rifiutiamo di partecipare a questo sistema. Optando contro il fast fashion e preferendo prodotti usati, la nostra comunità si impegna a migliorare l’industria della moda”, hanno dichiarato in una nota. Eliminati altri 30 marchi di moda Da venerdì scorso, la piattaforma ha esteso il divieto ad altri 30 noti marchi,…

Leggi tutto

Verso un suicidio collettivo Tra poche settimane inizierá il controverso vertice sul clima di Dubai (COP28). Non inizierá con i migliori auspici perché un nuovo rapporto delle Nazioni Unite avverte che i principali Paesi produttori di carbone, gas naturale e petrolio intendono raddoppiare la loro produzione entro il 2030. Il Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres ha evidenziato questa contraddizione spiegando che il mondo si avvia “verso un suicidio collettivo”.  che ci sta portando ai peggiori scenari previsti dai climatologi. “I governi stanno letteralmente raddoppiando la produzione di combustibili fossili”, ha denunciato il leader portoghese, per il quale “abbiamo…

Leggi tutto

Alex Langer sosteneva un approccio olistico e integrato alla questione ambientale, che considerava la conversione ecologica non solo come un cambiamento tecnologico o energetico, ma anche come una profonda trasformazione culturale e sociale. Che dovrebbe comprendere ridurre il consumo eccessivo, valorizzare le risorse locali, promuovere l’agricoltura biologica e sostenibile ma, soprattutto, cercare una più giusta distribuzione delle risorse, sia all’interno delle società sia a livello globale. Per questo Alex spiegava che la conversione ecologica sarà efficace solo se socialmente desiderabile. Ma come realizzarla se tutti gli indicatori ci mostrano come gli impatti dei cambiamenti climatici intensificano le diseguaglianze tra le…

Leggi tutto

La lobby dei cacciatori di Lettonia, Francia, Svezia e Spagna (dopo un incontro nel Värmland, Svezia) chiederà alla Commissione europea di “allentare” lo status di protezione del lupo nell’Unione europea e di approvare misure “urgenti” che consentano una gestione sostenibile della specie. Ciò è stato concordato in una dichiarazione congiunta che i firmatari invieranno ai Direttori Generali della Caccia dei 27 Paesi europei e ai rappresentanti del Ministero dell’Agricoltura, della Pesca e dell’Alimentazione, convocati in Spagna dal Governo nell’ambito della Presidenza di turno del Consiglio dell’UE. La dichiarazione Nella dichiarazione, si chiede all’UE di modificare “urgentemente” lo status giuridico della…

Leggi tutto