Author: Claudio Garrone

Dottore in Scienze forestali, auditor ambientale, Corporate Social Responsability Manager. Già Responsabile Ufficio Forestale di FederlegnoArredo, è stato Direttore generale dell'Associazione Forestale Italiana. Svolge attività di project-management nell’ambito delle politiche forestali nazionali ed internazionali e dell’uso sostenibile della materia prima legno.

Sempre più persone sono informate e consapevoli di quali sono le possibili azioni ed i mezzi per ridurre l’inquinamento, il riscaldamento globale del Pianeta (e, con esso anche, la conseguente crisi climatica) e che anche la più piccola azione quotidiana che rispetti l’ambiente, può fare la differenza. E possiamo farla tutti. Però, purtroppo, raramente si è davvero capaci di passare alle azioni concrete di cambiamento. Anche su questo principio è nata Green Golden la piattaforma interattiva, ideata da Valeria Torchio e Stelio Amandonico (per l’utilizzo della quale, è presente anche un tutorial dedicato). Con Green Golden dalla teoria alla pratica…

Leggi tutto

Il contesto di partenza Gli italiani e le italiane, sempre più convintamente, riconoscono nella sostenibilità una spinta per il futuro, una sorta di frontiera tracciata da seguire ed una importante e significativa occasione per investire i propri risparmi. Secondo Assogestioni (l’Associazione Italiana del Risparmio Gestito, nata nel 1984, rappresenta oggi circa 270 associati) orientare una parte dei 1.600 miliardi di euro delle famiglie giacenti sui conti correnti (+5 % rispetto allo scorso anno e piccola parte dei capitali di risparmio totali che, in Italia ammontano, complessivamente all’impressionante somma di 4.200 miliardi di €!) verso l’acquisto di prodotti finanziari Esg, rappresenterebbe…

Leggi tutto

Eventi estremi che abbiamo “imparato” a conoscere e sperimentare, come ad esempio le ondate di calore, continueranno ad aumentare in frequenza, intensità, durata ed estensione spaziale nei prossimi decenni, a causa del continuo e crescente riscaldamento globale di origine antropica. Stimare il rischio globale del cambiamento climatico antropogenico Sebbene mantengano un corretto atteggiamento di cautela e di massima obiettività scientifica, gli scienziati dell’IPCC, nei loro ultimi rapporti, non nascondono dubbi sull’effettiva gravità della crisi climatica, i cui effetti avranno notevoli conseguenze, tanto nel breve, quanto nel lungo periodo. Traducendo in numeri i giudizi qualitativi (ovvero, un livello di rischio “basso”,…

Leggi tutto

Tra luglio e settembre 2021, circa 881 milioni di tonnellate di anidride carbonica (CO2) e altri gas a effetto serra sono stati emessi. Il ritorno dell’inquinamento era già stato certificato dal satellite europeo Copernicus. Le emissioni di gas ad effetto serra (GHG) dell’economia dell’Unione europea – come certifca EUROSTAT, l’Ufficio di statistica dell’EU –  nel 3° trimestre del 2021, infatti, sono state pari a 881 milioni di tonnellate di CO2 equivalenti (CO2-eq), leggermente al di sotto dei livelli pre-pandemia (891 milioni di tonnellate nel terzo trimestre del 2019). Sulla base delle stime trimestrali delle emissioni nel periodo luglio-settembre 2021, derivanti…

Leggi tutto

Cos’è la tassonomia VERDE dell’UE? Si tratta di un sistema di classificazione verde, che traduce gli obiettivi climatici e ambientali dell’UE in criteri per specifiche attività economiche a scopo di investimento. Riconosce come verdi, o “ambientalmente sostenibili”, le attività economiche che danno un contributo sostanziale ad almeno uno degli obiettivi climatici e ambientali dell’UE, mentre allo stesso tempo non danneggiando significativamente nessuno di questi obiettivi e rispettando le salvaguardie sociali minime. Gli atti delegati sulla tassonomia stabiliranno e manterranno criteri chiari per le attività per definire cosa significa dare un contributo sostanziale e cosa significa non fare danni significativi. È…

Leggi tutto

Il primato Non sempre il nostro Paese è fanalino di coda delle classifiche internazionali: per una volta, al contrario, l’Italia è prima al mondo e, addirittura, rappresenta un buon esempio, per quanto riguarda l’eliminazione degli sprechi domestici. A fronte di una media di 85 kg pro capite di rifiuti sprecati tra le mura di casa nei quasi 40 Paesi misurati dal Fsi, nel nostro Paese lo spreco alimentare annuo pro capite a livello domestico è di 67 kg, e comprendono anche i 26 kg pro capite nella ristorazione ed i 4 kg pro capite del settore della grande distribuzione organizzata…

Leggi tutto

Sempre più ricchi, sempre più poveri Nei primi 2 anni di pandemia, i dieci miliardari più ricchi hanno più raddoppiato le loro fortune economiche e finanziarie, portandole da 700 miliardi a 1.500 miliardi di dollari, ad un ritmo di 15.000 dollari al secondo o di 1,3 miliardi al giorno, per un totale di 1,5 trilioni di dollari. Nello stesso periodo pandemico, i redditi del 99% della popolazione mondiale sono diminuiti ed altri 163 milioni di persone si sono aggiunte a quelle in povertà proprio a causa della pandemia.  Gli attuali 2.755 miliardari presenti al mondo, hanno aumentato la loro ricchezza…

Leggi tutto

Ripartire dall’economia circolare Anche se tutti i 194 paesi firmatari dell’Accordo di Parigi del 2015 (COP21) mantenessero la promessa di ridurre le emissioni, è fortemente prevedibile che la temperatura terrestre, durante l’attuale secolo, crescerebbe di 3,2° C, ovvero ben oltre il limite max di 2° C previsto dall’Accordo stesso. Il riscaldamento globale, infatti, non mostra segni di rallentamento e la cruda realtà è che alcune città ed i paesi più vulnerabili di altri, saranno chiamati ad affrontare catastrofi ambientali, sociali e umanitarie di elevate dimensioni. E, per una crudele ironia della sorte, le nazioni più vulnerabili agli impatti del collasso…

Leggi tutto

Cos’è il Trattato di non Proliferazione delle Energie Fossili? Qualcuno si sarà mai domandato se la soluzione – o comunque una delle soluzioni – per uscire dalle fonti fossili (carbone, gas e petrolio), investendo tutto nelle energie rinnovabili, possa arrivare grazie ad un trattato di non proliferazione dei combustibili fossili? Certamente se lo sono chiesti gli organizzatori della campagna “fossilfueltreaty”, l’iniziativa che ha preso piede negli Stati Uniti e che già conta tra i suoi sostenitori svariate decine di organizzazioni a livello internazionale. Questo TRATTATO DI NON PROLIFERAZIONE DEI COMBUSTIBILI FOSSILI, esattamente in parallelo con il più famoso trattato di…

Leggi tutto