microplastiche

L’inquinamento causato dalla dispersione nell’ambiente di plastica continua a generare danni per la natura e per la salute umana. Le microplastiche, minuscole particelle lunghe meno di 5 mm, si trovano ovunque e rischiano seriamente di rappresentare un grave pericolo per la salute di tutti gli abitanti del pianeta Terra, compresi gli esseri umani.

I ricercatori dell’Università di Stirling, in Scozia, hanno scoperto che i virus possono sopravvivere in acqua dolce grazie alla presenza delle microplastiche usate come zattere di salvataggio.

Alcuni tipi di virus sono infettivi fino a tre giorni a causa delle microplastiche

La ricerca mostra che alcuni tipi di virus, come quelli intestinali, sono rimasti infettivi fino a un massimo di tre giorni legandosi alle microplastiche disperse nelle acque reflue, ossia quelle di scarico utilizzate nelle attività umane per usi domestici e industriali. In particolare, le microplastiche che entrano negli impianti di trattamento delle acque reflue sono esposte ad alte concentrazioni di batteri patogeni, anche se, spiegano i ricercatori, il potenziale dei patogeni virali umani di essere associati alla plastisfera è ancora oggetto di studio. “Non eravamo sicuri di quanto i virus potessero sopravvivere ‘facendo l’autostop’ sulla plastica nell’ambiente, ma sopravvivono e rimangono infettivi“, ha affermato il professor Richard Quilliam, coordinatore del progetto pubblicato sulla rivista Environmental Pollution. “Questa ricerca”, ha continuato Quilliam, “rappresenta un prototipo per condurre ulteriori studi su quanto a lungo i patogeni possono sopravvivere legandosi alle microplastiche”.

La principale conseguenza è facile da immaginare. Se l’impianto di trattamento delle acque reflue non è in grado di catturare le microplastiche colonizzate da batteri, queste finiscono direttamente in mare e quindi in spiaggia. Non è raro ormai trovare nei nostri mari o sulle spiagge minuscole palline colorate di plastica che potrebbero essere ingerite da pesci, uccelli o bambini.

L’allarme ambientale può facilmente diventare un pericolo sanitario

Lo studio fornisce un nuovo contributo per comprendere quanto la nascita della plastisfera possa incidere negativamente sulla salute dell’uomo. I ricercatori hanno testato due tipi di virus – quelli con una specie di pellicola intorno a loro, definita biofilm, come il virus dell’influenza, e quelli senza – virus enterici come rotavirus e norovirus, responsabili di diarrea, gastroenteriti, vomito,  dolori addominali o febbre alta. Il risultato è stato che in quelli con un rivestimento, l’involucro si dissolveva rapidamente causando la morte del virus, mentre quelli senza un involucro si legavano con successo alla microplastica riuscendo a sopravvivere. La preoccupazione maggiore è che l’interazione virus-plastica, causato dall’inquinamento da plastica, potrebbe aumentare la persistenza ambientale e la diffusione del virus.

La ricerca è la prima nel suo genere a indagare sul rapporto tra microplastiche e virus utilizzando l’acqua prelevata dall’ambiente naturale, poiché le ricerche precedenti hanno approfondito la diffusione di questi virus esclusivamente in ambienti ospedalieri sterili.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui