Prato Urban Jungle: quando

Il progetto

Prato Urban Jungle: è questo il nome di un progetto che renderà la Città di Prato una vera e propria “città giungla”.

Il progetto esecutivo prevede massicci interventi di forestazione urbana degli edifici popolari di EPP di via Turchia, situati nel quartiere San Giusto, un’area urbana ad alta densità abitativa e con ampie aree verdi. L’intervento interessa tre edifici residenziali realizzati nel 1992, comprendenti un totale di 102 alloggi.

L’obiettivo è quello di creare una città resiliente al clima che cambia, inclusiva, accessibile, al passo con i tempi.

I vantaggi della forestazione urbana

Come ampiamente spiegato da numerosi studi, la forestazione urbana ha ottimi ed enormi benefici in termini di qualità della vita, riduce gli inquinanti migliorando la qualità dell’aria che respiriamo, riduce le isole di calore, favorisce la biodiversità, limita gli effetti dei cambiamenti climatici sempre più frequenti.

Prato Urban Jungle fornirà un nuovo approccio strategico alla pianificazione urbana che, coinvolgendo le parti interessate attraverso una piattaforma digitale e un modello di governance innovativi, potrà supportare uno sviluppo del verde urbano più inclusivo nelle città. Ha, inoltre, tra i suoi obiettivi l’avvicinamento dei cittadini al mondo della botanica, con una particolare attenzione verso ragazzi e bambini.

Una possibilità non solo per Prato

Questo progetto che vede, come i due principali esponenti, Stefano Boeri, l’architetto milanese autore del bosco verticale e Stefano Mancuso, biologo, professore presso l’Università di Firenze e dirige il Laboratorio internazionale di neurobiologia vegetale (LINV). Il primo partner è PNAT una società di progettazione multidisciplinare sull’uso delle piante per migliorare il benessere umano, l’Istituto per la Bioeconomia del CNR, un centro di ricerca riconosciuto a livello internazionale con una lunga esperienza in sistemi innovativi di monitoraggio ambientale; l’ESTRA, la società leader nel Centro Italia nel settore della distribuzione e vendita di gas naturale, attivo altresì nella vendita di energia elettrica; Legambiente, una ONG storica attiva nell’educazione ambientale e nella sensibilizzazione dei cittadini; GreenApes, la piattaforma digitale che coinvolge e premia gli stili di vita e le azioni eco-sostenibili di cittadini, dipendenti e clienti; Treedom, il sito che permette a persone ed aziende di piantare alberi e seguirli online .

Il progetto di forestazione del Comune di Prato può essere replicato in tutte le piccole e grandi città italiane e del mondo, può inoltre limitare l’inquinamento e gli effetti del surriscaldamento globale, ma anche essere un volano per creare nuovi posti di lavoro, concentrati nella sua manutenzione e gestione nel futuro.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui