Dieci giornate all'anno perse nel traffico

Quanto tempo perdiamo nel traffico?

In Italia ci sono 663 automobili per 1.000 abitanti e il 64% della popolazione utilizza l’auto per i propri spostamenti. Tutto ciò porta poi ad un alto livello di congestionamento dei grandi centri urbani, nei quali il tempo aggiuntivo medio per compiere un percorso in auto è superiore a quello previsto in assenza di traffico di almeno il 20%, con la conseguenza che negli spostamenti si perde ogni anno l’equivalente di oltre 10 giornate lavorative, con una punta di 21,5 giornate a Roma e 18,6 a Milano. E’ quanto emerge da uno studio di Nomisma, presentato oggi a Roma.

Roma da record (negativo)

Ma la città che presenta maggiori criticità è Roma, dove nell’ora di punta mattutina, si impiegano 54 minuti per arrivare da un punto A a un punto B, quando ne servirebbero 30. A Milano i minuti aggiuntivi per un percorso di 30 minuti sono 21. Nell’ultimo ventennio il parco autovetture ha incrementato la propria consistenza di circa 7 milioni di autoveicoli, crescendo del 20%.

Come rimediare?

Un altro elemento di criticità è che in auto si viaggia soli: i dati più recenti sul coefficiente di riempimento dell’auto evidenziano la presenza di 4 persone ogni 3 automobili . Secondo una ricerca Anci, negli spostamenti da casa verso il luogo di lavoro o di studio, ogni giorno circolano 1,9 milioni di autovetture con 2,5 milioni di persone a bordo. Basterebbe aumentare la pratica del car sharing per poter ridurre dei tassi preoccupanti e diminuire l’inquinamento o, ancor meglio, passare ad uno uso sempre più esteso di mezzi sostenibili come la bici. Dalla Capitale arrivano segnali confortanti in merito alle iniziative: dopo la pausa imposta dalla pandemia, i ciclisti hanno ripreso a riversarsi nelle strade della Capitale e per tre giorni Roma è infatti attraversata dall’ormai storico appuntamento della “Ciemmona”. Venerdì 28 i ciclisti si sono incontrati a San Giovanni, mentre per le giornate di sabato 29 e domenica 30 la partenza era a parco Schuster. I ciclisti che hanno aderito alle iniziative di sabato hanno imboccato viale Castrense andando verso la Tangenziale Est e domenica invece sono arrivati fino al mare. Da qualche tempo anche chi tarda ha la possibilità di scoprire dove si trova il gruppo, tramite l’App Critical Maps che permette di individuare gli altri aderenti alla “Ciemmona” che, ovviamente, hanno scaricato l’applicazione.

 

Articolo precedenteUn ecosistema sotto assedio: la barriera corallina di Cayman Crown
Articolo successivoSentenza storica sul disastro ambientale provocato dall’ex Ilva
Classe 1995, nel 2018 ha conseguito la laurea triennale in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all'Università degli Studi di Napoli “Federico II". Subito dopo si è iscritto alla Magistrale in Relazioni Internazionali ed Analisi di Scenario che ha terminato a pieni voti nel 2020 discutendo una tesi sugli impatti dei cambiamenti climatici sulle regioni euromediterranee. È stato speaker radiofonico presso RadioPRIMARETE. Ha scritto sulla rivista di IsAg e su OpinioJuris, dove si è occupato principalmente di Nordafrica, Africa Subsahariana e green politics. Ha preso parte a diversi progetti indipendenti come RockWebzine, Scenari Urbani e Blasting News con brevi collaborazioni. Dopo il conseguimento con massimi voti della laurea magistrale in Scienze Politiche ha conseguito il Master in Marketing, Comunicazione & Made in Italy. Attualmente è studente della VI Edizione del Master in Giornalismo della LUMSA di Roma. È stato coordinatore del podcast “La Geopolitica in Tasca” su OpinioJuris-Law&Politics. È stagista presso “Il Messagero” da marzo 2021.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui