HomeecologicaBiodiversitàVia i boschi, al loro posto arriva il cemento

Via i boschi, al loro posto arriva il cemento

L’iniziativa della Regione Piemonte

La Giunta Cirio, che è alla guida Regione Piemonte, vuole favorire lo sviluppo delle industrie sul territorio incentivando il “disboscamento” di quelle aree che una volta erano boschi e oggi, complice lo spopolamento delle zone interne avvenuta nel corso degli anni, sono nuovamente boschi.

Sul sito della Regione, nella giornata di martedì 30 marzo, è stato pubblicato il seguente comunicato:

Favorire il recupero di aree abbandonate che progressivamente sono state colonizzate dalla vegetazione è l’obiettivo con cui la Giunta regionale, su proposta del vicepresidente e assessore alle Foreste Fabio Carosso ha deciso di abbassare da 15.000 a 10.000 euro a ettaro l’importo base per il calcolo economico della compensazione che un proprietario deve sostenere per l’eliminazione della vegetazione arborea e arbustiva di un proprio terreno ricadente sotto la definizione di “bosco”, ai fini di cambiarne la destinazione d’uso” (…).

Un’azione politica che potremmo definire “anti-ambientalista” a favore del cemento, che certo non tiene assolutamente conto della perdita di biodiversità, dei cambiamenti climatici e dell’emergenza inquinamento che uccide ogni anno tantissime persone in tutto il bacino padano e non solo.

I boschi cosi come le foreste, è ormai scientificamente provato, che sono i nostri migliori alleati per migliorare la qualità dell’aria, ridurre le isole di calore, la Co2 in atmosfera responsabile degli stravolgimenti del clima.

Molti ambientalisti si domandano: “Perché sacrificare i boschi cresciuti spontaneamente? Perché non riqualificare le aree dismesse che di certo in tutta la Regione non mancano?”

4,5 milioni di alberi in Emilia Romagna

Se da una parte ci sono enti locali che decidono di abbattere per svariati motivi i boschi spontanei, dall’altra ci sono anche enti che puntano ad aumentare la superficie boschiva e forestale come, ad esempio, ha voluto Regione Emilia Romagna. Dallo scorso mese di settembre, nonostante la pandemia da Covid-19, è partita in tutta la regione, la campagna di piantumazione di 500.000, dei 4,5 milioni di alberi previsti dalla Giunta Bonaccini.

Ottavio Currà
Ottavio Currà
Classe 1995, nato a Torino, è attualmente Studente di Scienze Politiche e Sociali. Ha un grande passione per il giornalismo ed è particolarmente attento ai temi dell'ambiente e della criminalità organizzata.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_img

ultime news