HomeClimaConsumiL'insostenibile pesantezza dello spreco alimentare

L’insostenibile pesantezza dello spreco alimentare

Nella spazzatura di famiglie, negozi, ristoranti e altri servizi alimentari

Nel mondo continua lo spreco alimentare con ben il 17% del cibo a disposizione dei consumatori che finisce nella spazzatura di famiglie, negozi, ristoranti e altri servizi alimentari. Il totale è clamoroso: 931 milioni di tonnellate di cibo hanno finito per essere sprecate in tutto il Pianeta nel 2019, senza contare le perdite generate durante la produzione e il trasporto. Sono questi i dati drammatici del rapporto del Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente (UNEP) presentato giovedì che denuncia le implicazioni sociali e ambientali di questi rifiuti. Perché il problema è che mentre queste enormi quantità di cibo vengono perse, ben 690 milioni di persone nel mondo (quasi il 9% della popolazione) soffrono di problemi di fame.

Per capire meglio visivamente questo numero basta immaginare che i 931 milioni di tonnellate di cibo equivalgono a 23 milioni di camion da 40 tonnellate di carico che, messi in fila, farebbero sette volte il giro della Terra.

Il rapporto dell’UNEP analizza lo spreco in tre aree specifiche: famiglie, servizi alimentari (come i ristoranti) e la vendita al dettaglio. E conclude che la principale fonte di spreco si trova nelle famiglie, che hanno accumulato il 61% dei 931 milioni di tonnellate di cibo sprecato nel 2019. Seguono i ristoranti e gli altri servizi alimentari (26%) e, infine, la vendita al dettaglio (13%).

Lo spreco in tutto il mondo, anche nei paesi a basso reddito

Il rapporto è stato preparato da analisti dell’UNEP e della ONG britannica WRAP. Gli autori hanno classificato tutti i paesi del mondo (anche se riconoscono che solo circa 50 di loro hanno dati di buona qualità). Secondo le loro stime, ogni abitante del Pianeta ha sprecato in media 121 chili di cibo nel 2019. Solo nelle famiglie, la cifra pro capite ammonta a 74 chili di cibo; in Italia questa quantità è un po’ più bassa, 67 chili, ed è definita tra i paesi di spreco “medio”. Lo studio pone la Nigeria, con 189 chili pro capite, come il paese in cui più cibo pro capite finisce nella spazzatura a casa.

L’UNEP sostiene che questo rapporto presenta la più completa raccolta, di analisi e modellizzazione dei dati sui rifiuti alimentari fino ad oggi. Ammette che i risultati differiscono dalle narrazioni precedenti, “che concentravano i rifiuti alimentari dei consumatori nei paesi sviluppati e le perdite di produzione, stoccaggio e trasporto nei paesi in via di sviluppo”. “La produzione di rifiuti alimentari pro capite delle famiglie è molto simile nei diversi gruppi di paesi per reddito, suggerendo che i rifiuti alimentari sono ugualmente rilevanti nei paesi ad alto reddito, a reddito medio-alto e medio-basso”, aggiunge lo studio. “Per molto tempo si è pensato che i rifiuti alimentari domestici fossero un problema importante solo nei paesi sviluppati”, ha detto Marcus Gover, CEO di WRAP, giovedì. “Ma le cose non sono così chiare”, ha aggiunto.

Lo studio si concentra solo su una parte del problema della perdita di cibo, alla fine della catena alimentare, che è legata al commercio al dettaglio e al consumo di quel cibo. Altri rapporti finora – per esempio, quelli prodotti dalla FAO (l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura) – mettono il tasso di perdita di cibo fino al 30%. Ma in questo caso viene presa in considerazione l’intera catena, cioè dalle perdite nella produzione e nel trasporto ai rifiuti nelle case, nei negozi e nei ristoranti.

Conseguenze dello spreco alimentare

L’indice sviluppato dagli autori del rapporto ha lo scopo di aiutare i governi a misurare gli sprechi e ad affrontare il problema. L’obiettivo che i paesi si sono posti con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile è quello di dimezzare lo spreco alimentare pro capite in tutto il mondo entro il 2030.

Ma l’UNEP ha anche evidenziato le implicazioni ambientali del problema. Questo spreco incide anche sul clima visto che, ricorda il report, l’8-10% delle emissioni globali di gas serra sono associate al cibo che non viene consumato, quando si tiene conto delle perdite prima del livello del consumatore.

Anche l’IPCC interviene

Gli stessi dati sono stati trattati dal rapporto monografico presentato nel 2019 dal gruppo di esperti scientifici che consiglia l’ONU sulle questioni del cambiamento climatico, noto come IPCC. In quello studio i ricercatori hanno avvertito che il problema del riscaldamento globale ha già acquisito tale grandezza che non è sufficiente agire solo sul sistema energetico, ma deve intraprendere cambiamenti in tutti i settori, anche nel settore alimentare.

Marta G. Rivera Ferre, direttore della cattedra di Agroecologia e sistemi alimentari all’Università di Vic, è un membro dell’IPCC e uno degli autori dello studio del 2019. Ricorda che le perdite di cibo e lo spreco di cibo non comportano solo un aumento delle emissioni, ma anche impatti significativi sul consumo di acqua, sulla contaminazione da pesticidi, sull’uso della terra o sulla perdita di biodiversità. “È un problema del modello di produzione”, spiega Rivera.

Includere obiettivi riduzione spreco alimentare in Accordo di Parigi

L’ONU ha chiesto ai paesi questo giovedì di includere obiettivi di riduzione dei rifiuti alimentari nei piani nazionali di riduzione delle emissioni che devono presentare nell’ambito dell’accordo di Parigi contro il cambiamento climatico. Lo studio ricorda che solo 11 dei quasi 200 paesi del patto contro il riscaldamento fanno riferimento alle perdite di cibo nei loro piani climatici. “Se vogliamo affrontare seriamente il cambiamento climatico, la perdita della natura e della biodiversità, l’inquinamento e i rifiuti, le imprese, i governi e i cittadini di tutto il mondo devono fare la loro parte per ridurre gli sprechi alimentari”, ha avvertito giovedì Inger Andersen, direttore esecutivo dell’UNEP.

Avatar
Gianfranco Mascia
Ecologista, giornalista, scrittore. Tra i fondatori dei Verdi dell’Emilia Romagna, è attualmente Responsabile comunicazione Capo ufficio stampa della Federazione dei Verdi. Fondatore dei comitati Bo.Bi e animatore dei Girotondi e del Popolo Viola. Il suo ultimo libro “Come osate” ripercorre l'avventura dei Fridays For Future attraverso le testimonianze dei suoi attivisti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

spot_img

ultime news